Skip to main content

Author: admin

Binder Jet – functioning and working

Metal Jet technology represents a new approach to metal powder additive manufacturing of metal parts: well established and proven across several industrial sectors for production of stainless steel-based applications, Metal Jet is currently being introduced to the world of jewellery and fashion industry to unlock and open up new opportunities and manufacturing options. This presentation will deal with the concepts behind binder jetting, the enabling processes and unique applications of a Metal Jet printer. 

Additive Manufacturing

3D Printing in the jewellery industry, an in-depth review of the technologies past, the present and it’s possible future directions

ABSTARCT This research and presentation is intended to act as a guide to inform all sectors of the jewellery industry, from educators to designers and from jewellery manufacturers of all types to the artisan hobbyist

The paper will cover the development and use of of 3D Printing in the jewellery industry, it will also discuss in some detail the current ‘state of the art’ and finally take an in-depth look at the future. A future where we can expect to see innovative new technologies on the horizon that could transform some aspects of jewellery design and manufacture from the more traditional use of 3D Printing into the world of Additive Manufacturing in the global Jewellery Industry

Phygital Jewelry

L’intervento si focalizza sul rapporto tra la trasformazione digitale e il mondo del gioiello, e in particolare sulla dematerializzazione nel contesto contemporaneo dei prodotti, dei processi, dei servizi e delle esperienze. A partire dai cambiamenti e dagli effetti della trasformazione digitale ai molteplici contesti del gioiello contemporaneo vengono poi analizzate le tecnologie e gli strumenti digitali emergenti, le loro applicazioni a cavallo tra il mondo fisico e quello virtuale e la loro capacità di raggiungere le nuove generazioni. Infine, saranno illustrate le best practices che testimoniano il sempre crescente interesse per il digitale come veicolo di nuovi valori e nuove esperienze del gioiello. 

Financial and economic trends

Nel corso del 2022, oro e metalli preziosi hanno subito pressioni al ribasso alimentate da politiche monetarie restrittive e da un forte dollaro americano, tuttavia si sono registrati spunti positivi legati alla resilienza della domanda per lingotti, monete e al riaccumulo di riserve strategiche da parte delle banche centrali. Nel 2023, i prezzi dei metalli preziosi saranno ancora influenzati da dinamiche monetarie e valutarie, ma assumeranno una crescente rilevanza le condizioni economiche nei principali Paesi consumatori e gli equilibri geopolitici.   

Il settore orafo italiano ha mostrato nell’ultimo biennio un’elevata competitività con un recupero straordinario rispetto al periodo pre-Covid. L’attuale contesto competitivo risulta condizionato da elevata incertezza e volatilità alimentate da rallentamento economico, inflazione, politiche monetarie restrittive: l’approfondimento propone un’analisi del posizionamento del settore e delle principali strategie che potranno guidare le imprese del comparto orafo italiano. 

Chris Corti

Managing Director, COReGOLD Technology Consultancy, Reading, UK

Chris took retirement from World Gold Council in 2004 where he had been Director of Technology, responsible for jewellery technology and industrial applications of gold. He currently is Managing Director of COReGOLD Technology Consultancy and consulted for World Gold Council until 2009. He continues to consult for the Worshipful Company of Goldsmiths, particularly writing many articles in their Technical Bulletin, and the GIA in the USA.

Chris has over 40 years experience in the precious metals industry, with Johnson Matthey, The World Gold Council and COReGOLD Technology. At Johnson Matthey, he was manager of materials technology in their Research Centre, responsible for new product development for both jewellery and industrial applications of all precious metals. He became Technical Director of their Colours & Print division, responsible for decorative and functional product development in the ceramics & glass industry. Moving on to World Gold Council in 1994, Chris became Managing Director, International Technology, responsible for jewellery technology seminar programmes and R & D projects and then in 2000 initiated R & D programmes for new industrial & medical applications for gold.

In this role, he was editor of Gold Bulletin scientific journal until 2009 and editor of Gold Technology journal on jewellery technology until 2002. He has presented regularly at the Santa Fe Symposium on jewellery manufacturing technology in the USA and the Jewellery Technology Forum at Vicenza, Italy for many years and authored many publications on gold jewellery technologies. He also produced and edited the WGC series of Technical Manual and Handbooks on manufacturing technology. He also led the MJSA/WGC task force on defining white golds. More recently, he co-edited a new book, “Gold: Science and Applications”, published by Taylor & Francis , writing the chapter on jewellery manufacturing technology too. He has also published extensively on research and industrial applications of precious and engineering metals and processes.

Currently running his Consultancy, COReGOLD, Chris is a technical consultant to the Worshipful Company of Goldsmiths in London. He has developed and implemented a post graduate lecture programme of underpinning knowledge for jewellery design graduates at the new Goldsmiths Institute. He has consulted for the GIA in the USA and for jewellery companies in India and Egypt.

He has a PhD and first degree in Metallurgy from the University of Surrey in the UK, is a Fellow of the Institute of Metals, Minerals and Mining, a Fellow of the City & Guilds Institute and a Chartered Scientist and Chartered Engineer in the UK. He was awarded the ‘Lifetime Achievement Award’ by the Santa Fe Symposium in 2012 and the ‘Sir Andrew Bryan’ Medal for outstanding service by the Institute of Materials, Minerals & Mining in 2010.

In his early career, Chris worked in industrial research at the Central Electricity Generating Board in the UK and at Brown Boveri Ag (now ABB) in Switzerland and later (before WGC)  worked briefly for the Department of Trade and Industry, UK, responsible for surface  engineering research programmes. He set up the Link programme and the National Surface Engineering Centre programme.

Chris Corti

Amministratore delegato, COReGOLD Technology Consultancy, Reading, Regno Unito

Chris è andato in pensione dal World Gold Council nel 2004, dove ha ricoperto il ruolo di Direttore della Tecnologia, responsabile della tecnologia dei gioielli e delle applicazioni industriali dell’oro. Attualmente è amministratore delegato di COReGOLD Technology Consultancy ed è stato consulente del World Gold Council fino al 2009. Continua a fornire consulenze per la Worshipful Company of Goldsmiths, in particolare scrivendo molti articoli nel loro Bollettino Tecnico, e per il GIA negli Stati Uniti.

Chris vanta oltre 40 anni di esperienza nel settore dei metalli preziosi, presso Johnson Matthey, il World Gold Council e COReGOLD Technology. Presso Johnson Matthey, è stato responsabile della tecnologia dei materiali nel loro Centro di Ricerca, per lo sviluppo di nuovi prodotti per la gioielleria e le applicazioni industriali di tutti i metalli preziosi. È diventato direttore tecnico della divisione Colours & Print, responsabile dello sviluppo di prodotti decorativi e funzionali per l’industria della ceramica e del vetro. Passato al World Gold Council nel 1994, Chris è diventato direttore generale della tecnologia internazionale, responsabile dei programmi di seminari sulla tecnologia della gioielleria e dei progetti di ricerca e sviluppo; nel 2000 ha avviato programmi di ricerca e sviluppo per nuove applicazioni industriali e mediche dell’oro.

In questo ruolo, è stato redattore della rivista scientifica Gold Bulletin fino al 2009 e redattore della rivista Gold Technology sulla tecnologia dei gioielli fino al 2002. Per molti anni ha presentato regolarmente al Santa Fe Symposium sulla tecnologia di produzione dei gioielli negli Stati Uniti e al Jewellery Technology Forum di Vicenza, in Italia, ed è autore di numerose pubblicazioni sulle tecnologie dei gioielli in oro. Ha inoltre prodotto e curato la serie di manuali tecnici e di manuali WGC sulla tecnologia di produzione. Ha inoltre guidato la task force MJSA/WGC sulla definizione di oro bianco. Più recentemente, ha coeditato un nuovo libro, “Gold: Science and Applications”, pubblicato da Taylor & Francis, scrivendo anche il capitolo sulla tecnologia di produzione dei gioielli. Ha inoltre pubblicato numerose pubblicazioni sulla ricerca e sulle applicazioni industriali dei metalli preziosi e dei processi ingegneristici.

Attualmente gestisce la sua società di consulenza, COReGOLD, ed è consulente tecnico della Worshipful Company of Goldsmiths di Londra. Ha sviluppato e implementato un programma di lezioni post-laurea di base per i laureati in design del gioiello presso il nuovo Goldsmiths Institute. È stato consulente del GIA negli Stati Uniti e di aziende orafe in India e in Egitto.

Ha conseguito il dottorato di ricerca e la laurea in Metallurgia presso l’Università del Surrey nel Regno Unito, è Fellow dell’Institute of Metals, Minerals and Mining, Fellow del City & Guilds Institute e Chartered Scientist e Chartered Engineer nel Regno Unito. È stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Santa Fe Symposium nel 2012 e della medaglia “Sir Andrew Bryan” per l’eccezionale servizio reso dall’Institute of Materials, Minerals & Mining nel 2010.

All’inizio della sua carriera, Chris ha lavorato nella ricerca industriale presso il Central Electricity Generating Board nel Regno Unito e presso Brown Boveri Ag (ora ABB) in Svizzera e successivamente (prima di WGC) ha lavorato per un breve periodo per il Dipartimento del Commercio e dell’Industria del Regno Unito, responsabile dei programmi di ricerca sull’ingegneria delle superfici. Ha creato il programma Link e il programma del National Surface Engineering Centre.

Alejandra de la Hija

Alejandra currently works in the HP 3D Print team in Barcelona as an Application Engineer for the new HP Metal Jet S100 solution. She joined HP’s team 5 years ago, as Procurement Engineer and Vendor Manager. Prior to HP, she worked for various companies in the automotive industry, both in Germany and United Kingdom, developing projects and products as Mechanical Engineer. She holds an MSc in Mechanical Engineering by the Universidad Politécnica de Madrid, and also is part of the mentorship program Inspira STEAM in Spain to inspire young students to follow technical careers.

Alejandra de la Hija

Alejandra lavora attualmente nel team HP 3D Print di Barcellona come Application Engineer per la nuova soluzione HP Metal Jet S100. È entrata a far parte del team HP 5 anni fa, come Procurement Engineer e Vendor Manager. Prima di entrare in HP, ha lavorato per diverse aziende del settore automobilistico, sia in Germania che nel Regno Unito, sviluppando progetti e prodotti come ingegnere meccanico. Ha conseguito un Master in Ingegneria Meccanica presso l’Universidad Politécnica de Madrid e fa anche parte del programma di mentorship Inspira STEAM in Spagna per ispirare i giovani studenti a intraprendere carriere tecniche.

Daniela Corsini

Graduated with honors in Economics, Statistics and Social Sciences at the Bocconi University in Milan. She started her professional career in 2006 at Eurizon Capital SA in Luxemburg as portfolio manager dedicated to emerging and frontier markets’ equity funds. In 2011 she became part of the Intesa Sanpaolo Research Department where she is in charge of macroeconomic research on commodity markets, covering the Energy, Industrial and Precious Metals, Agriculture sectors. Since 2010 she has been member of the CFA Institute.

Daniela Corsini

Laureata con lode in Economia, Statistica e Scienze Sociali presso l’Università Bocconi di Milano. Ha iniziato la sua carriera professionale nel 2006 presso Eurizon Capital SA in Lussemburgo come portfolio manager dedicato ai fondi azionari dei mercati emergenti e di frontiera. Nel 2011 è entrata a far parte della Direzione Studi di Intesa Sanpaolo dove si occupa di ricerca macroeconomica sui mercati delle materie prime, coprendo i settori Energia, Industriale e Metalli Preziosi, Agricoltura. Dal 2010 è membro del CFA Institute.