Lo scenario macroeconomico per il settore orafo

una relazione di Stefania Trenti

Il settore orafo italiano nel 2019

Fatturato e produzione positivi anche nel 2019

  • Secondo i dati ISTAT la produzione del settore gioielleria e bigiotteria ha registrato nei primi 10 mesi del 2019 una nuova forte crescita: +19,5%, per il terzo anno consecutivo. 
  • In forte aumento anche il fatturato: +11,4% tra gennaio e ottobre 2019. Il fatturato è in crescita per il decimo anno consecutivo.

 

Evoluzione del fatturato e della produzione del settore orafo (var.%)

Settore orafo: codice ATECO 32.1
*2018: gennaio – novembre
Fonte: Intesa Sanpaolo, elaborazioni su dati Istat

Prezzo dell’oro in crescita…

A partire dal mese di maggio la forte incertezza nello scenario globale ha comportato una significativa crescita del prezzo dell’oro che ha superato rapidamente i 1500 dollari oncia tra agosto e settembre per poi posizionarsi su livelli superiori alla media del 2018.
Nella media del 2019 il prezzo dell’oro è aumentato del 15,9% in euro e del 9,7% in dollari.

Quotazioni mensili dell’oro

Fonte: elab. Intesa Sanpaolo su dati LME

…con effetti negativi sulla domanda mondiale

La domanda mondiale di gioielli in oro ha reagito rapidamente al nuovo quadro dei prezzi, registrando una significativa contrazione nel terzo trimestre (-15,6%), in particolare sui due principali mercati (Cina e India) ed in Medio Oriente.

Domanda mondiale di gioielli in oro: var.% tendenziali (tonnellate)

Domanda mondiale di gioielli in oro: var.% tendenziali per paese

Fonte: Intesa Sanpaolo su dati World Gold Council – Gold Demand Trends

Ottime performance per l’export italiano…

Nei primi nove mesi del 2019, le esportazioni di gioielli in oro sono cresciute del 12,1% in quantità e dell’8,8% in valore in euro.

Evoluzione delle esportazioni di gioielli in oro (var.% tendenziale)

* Codici HS 711319 per oro e altri preziosi Fonte: Intesa Sanpaolo, elaborazioni su dati Istat

…con risultati positivi diffusi a (quasi) tutti i mercati...

Evoluzione delle esportazioni italiane di gioielli in oro (var.% tendenziale)

* Codici HS 711319 per oro e altri preziosi Fonte: Intesa Sanpaolo, elaborazioni su dati Istat

 

...e i distretti

Le esportazioni provinciali sono disponibili solo a livello più aggregato (inclusa la bigiotteria) e solo in valore (e non in quantità).
Tutti i territori hanno registrato una evoluzione positiva, con risultati più brillanti per Arezzo.

Esportazioni italiane di gioielli e bigiotteria* nel 2019 (var.%)

*Codice 32.1 Fonte: elab. su dati ISTAT

 

Il successo del lusso traina Svizzera, Francia e Italia

Quote sulle esportazioni mondiali di gioielli in oro* (%)
N.B. Al netto dei flussi verso e dagli Emirati Arabi Uniti e tra Cina e Hong Kong
*Codice 711319 Fonte: elab. su dati UNCTAD Comtrade

 

Ottimi risultati negli USA

Quote sulle importazioni USA di gioielli in oro* (%)
*Codice 711319 Fonte: elab. su dati US Trade

Le prospettive per i prossimi mesi

Commercio mondiale in ripresa, ma trend di crescita modesto

Le variazioni sono calcolate sull’indice mensile di commercio mondiale CPB. L’area ombreggiata indica le proiezioni. Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo

Le previsioni al 2021

  • Lieve ripresa nel primo semestre 2020 ma dato annuo inferiore al 2019 a causa di un effetto trascinamento penalizzante.
  • Attesa una leggera accelerazione (dei dati annui) nel 2021, anche grazie agli accordi sul commercio.

Le previsioni di crescita del PIL

Fonte: Refinitiv-Datastream ed elaborazioni Intesa Sanpaolo

Dall’Asia i primi segni di stabilizzazione del ciclo

L’indice anticipatore OCSE per la Cina conferma la svolta

Fonte: OECD

PMI manifatturiero Globale beneficia della ripresa dei Paesi emergenti

Fonte: IHS Markit

Ciclo USA: rallentamento controllato 

Crescita verso il potenziale

Fonte: Refinitiv-Datastream

Manifatturiero in via di stabilizzazione

Fonte: Refinitiv-Datastream

I consumatori sono ottimisti

Crescita dei consumi sostenuta da una dinamica solida del reddito disponibile

Fonte: Refinitiv Datastream

Le famiglie sono molto ottimiste

Fonte: Refinitiv Datastream

Il mercato del lavoro è la forza trainante dei consumi: disoccupazione sui minimi dal 1969

Il tasso di disoccupazione è sui minimi da fine 1969…

Fonte: Refinitiv Datastream

…con la dinamica salariale in accelerazione

Fonte: Refinitiv Datastream

I bilanci delle famiglie sono finalmente in ordine

Ricchezza netta in continuo aumento e tasso di risparmio sui livelli degli anni ‘90

Fonte: Refinitiv Datastream

Le famiglie hanno ridotto il loro debito, le imprese e il settore pubblico no

Fonte: Refinitiv Datastream

Area euro: domanda interna sostenuta da redditi reali e politiche fiscali

Crescita salariale e occupazione sostengono redditi e consumi

Fonte: Eurostat e proiezioni Intesa Sanpaolo

Saldo primario corretto per il ciclo: i budget 2020 mostrano un modesto allentamento (0,3% a livello di Eurozona)

Fonte: Commissione Europea

 

Domanda estera più favorevole nel 2020

Per l’area euro la domanda estera dovrebbe riprendersi parzialmente nei prossimi trimestri

Fonte: stime Intesa Sanpaolo e Oxford Economics

Italia: crescita ancora modesta

  • Per il 2020 ci aspettiamo una lieve accelerazione a 0,3% (0,4% non corretto per i giorni lavorativi), dallo 0,2% del 2019.
  • Attesa una crescita dello 0,5% nel 2021.

Il PIL è cresciuto negli ultimi trimestri nonostante una contrazione dell’attività industriale

Fonte: Refinitiv-Datastream, Istat ed elaborazioni Intesa Sanpaolo

Legge di bilancio: risorse destinate al blocco dell’IVA

Le modifiche dell’ultim’ora hanno visto un alleggerimento e un rinvio a luglio della plastic tax, uno slittamento a ottobre della sugar tax e un sostanziale azzeramento della stretta sulle auto aziendali. La manovra è salita a 32 miliardi.

Interventi (impatto in miliardi sul 2020)

Coperture (impatto in miliardi sul 2020)

Nota: effetto sull’indebitamento netto in miliardi
Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su DPB 2020

Tenuta dei consumi grazie ad una buona dinamica del reddito disponibile

Contributi alla crescita delle varie componenti del PIL

Fonte: Refinitiv-Datastream, Istat ed elaborazioni Intesa Sanpaolo

Un ritorno alla crescita è possibile nel medio termine

Il calo dei tassi di interesse comporta, oltre a risparmi per lo Stato, anche una spinta alla crescita del PIL

La ri-accelerazione degli aggregati monetari (la cui svolta ha sempre anticipato quella del ciclo) fa sperare in un ritorno alla rescita del PIL nel medio termine

Nota: effetti cumulati di un calo di 100 punti-base dei rendimenti sui titoli di Stato a medio e lungo termine (circa in linea con quello registrato negli ultimi 6 mesi) sul PIL (deviazioni % rispetto al baseline) e sulla spesa per interessi della PA (in % del PIL).

Fonte: Banca d’Italia, MEF, elaborazioni Intesa Sanpaolo

Prezzo dei preziosi  

L’incertezza geopolitica dovrebbe continuare anche nel 2020 a sostenere il prezzo dell’oro che nelle nostre attese dovrebbe proseguire il percorso di consolidamento, rimanendo nella media del 2020 intorno ai 1500$/oncia troy, con potenziali rischi al rialzo derivanti dall’ampia liquidità sui mercati e da politiche monetarie espansive in tutte le aree.

Prezzo dell’oro ($/oncia troy)

Fonte: elab. su dati LME

Euro in lieve apprezzamento su USD in un orizzonte di 12 mesi

Fonte: Intesa Sanpaolo

Importanti comunicazioni

Gli economisti che hanno redatto il presente documento dichiarano che le opinioni, previsioni o stime contenute nel documento stesso sono il risultato di un autonomo e soggettivo apprezzamento dei dati, degli elementi e delle informazioni acquisite e che nessuna parte del proprio compenso è stata, è o sarà, direttamente o indirettamente, collegata alle opinioni espresse.

La presente pubblicazione è stata redatta da Intesa Sanpaolo S.p.A. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti ritenute da Intesa Sanpaolo S.p.A. affidabili, ma non sono necessariamente complete, e l'accuratezza delle stesse non può essere in alcun modo garantita. La presente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, ed a titolo meramente indicativo, non costituendo pertanto la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto in tutto o in parte solo citando il nome Intesa Sanpaolo S.p.A.

La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti ai quali si rivolge. Intesa Sanpaolo S.p.A. e le rispettive controllate e/o qualsiasi altro soggetto ad esse collegato hanno la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della clientela.

Industry Office manager - Studies and Research direction of Intesa Sanpaolo

STEFANIA TRENTI è Responsabile dell’Ufficio Industry della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo. Autore di diverse pubblicazioni, svolge attività di ricerca nell’ambito dell’economia industriale, in particolare sui temi della competitività e dell’innovazione tecnologica. E’ responsabile del Rapporto “Analisi dei Settori Industriali”, semestrale di previsione sui settori manifatturieri italiani, in collaborazione con Prometeia.

© 2021 JTF - LEGOR GROUP S.p.A. - CF e P.Iva IT 00844230284 - Reg. Imprese Vi - Nr. REA 147954 - Capitale sociale i.v. 3.000.000€ - Privacy policy